FIRENZE OSPITA IL PCST 2012

La scienza per tutti

A patrocinare l’evento l’Istituto Nazionale di Astrofisica, il Comune di Firenze, l’Agenzia Spaziale Europea, l’Unesco, l’Università degli Studi di Firenze, il Consiglio Nazionale delle Ricerche e la Regione Toscana. Tra gli ospiti Piero Angela e Semir Zeki. A Palazzo Vecchio la Cerimonia Inaugurale organizzata da INAF.

Dal 18 al 20 aprile Firenze sarà la capitale mondiale della comunicazione scientifica e tecnologica. Per la prima volta, infatti, l’Italia ospiterà il convegno internazionale di comunicazione della scienza, PCST 2012.

Il tema della dodicesima edizione del convegno è Qualità, onestà e bellezza  nella comunicazione della scienza. Un convegno che mira, quindi, a trasmettere il concetto che la scienza può essere alla portata di tutti. Che sia comunicazione rivolta non solo a scienziati ed esperti del settore, ma a tutti i cittadini.

L’interesse ai temi scientifici da parte del grande pubblico è cresciuto negli ultimi anni, sia grazie alle opportunità offerte dalla rete che dall’apertura degli istituti di ricerca ad attività destinate a giovani, studenti, giornalisti e appassionati. Il passo successivo, del quale si parlerà durante il convegno, sarà quello di rendere più appetibile e, di migliore qualità, l’informazione e la comunicazione scientifica e tecnologica.

“Il convegno mondiale – dice Massimiano Bucchi professore associato di Sociologia della Scienza e Sociologia della Comunicazione all’Università di Trento e Direttore di Observa Scienza – di comunicazione della scienza riunisce con cadenza biennale i maggiori esperti del settore. La XII edizione, che porta per la prima volta questo appuntamento in Italia, segna un record di partecipazioni (oltre 600 da cinque continenti) nella storia della manifestazione e un programma ricchissimo di incontri, letture magistrali, mostre, video, performances teatrali e musicali. E’ una grande opportunità per discutere temi sempre più centrali per il mondo della ricerca, della comunicazione e per la società nel suo complesso. Il fatto che istituzioni di ricerca attive e prestigiose come INAF siano impegnate in questa iniziativa rappresenta un importante segnale anche a livello internazionale”.

Il Convegno è stato organizzato dal network internazionale di Public Communication of Science and Technology in collaborazione con Observa Science in SocietyIstituto Nazionale di Astrofisica. All’organizzazione ha collaborato anche EURAC, Fondazione Giannino Bassetti e SISSA. Tra gli enti patrocinanti UNESCO, Istituto Nazionale di Astrofisica, Comune di Firenze, Agenzia Spaziale Europea, Università degli Studi di Firenze, Consiglio Nazionale delle Ricerche e Regione Toscana.

Il programma dell’evento prevede oltre 95 sessioni di papers, dibattiti, presentazioni di libri, performance teatrali e musicali, proiezioni video e registra oltre 500 iscritti da 5 continenti, per una riflessione sui temi quali la qualità nella comunicazione della scienza, l’etica e l’estetica, la scienza nella società, il ruolo dell’arte.

Alla cerimonia di  inaugurazione, che si svolgerà mercoledì 18 aprile alle ore 17 presso il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio e organizzata in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Astrofisica, parteciperanno il sindaco di Firenze Matteo Renzi, il Presidente dell’INAF Giovanni Bignami, il presidente del PCST network Toss Gascoigne, il direttore della Science Policy Division dell’Unesco Lidia Brito e il direttore Generale dell’Agenzia Spaziale Europea, Jean-Jaques Dordain.

Nella giornata inaugurale, inoltre, sono previste le Lezioni magistrali di Piero Angela (RAI), Making Science a Prime Time TV Subject, di Semir Zeki (University College London) The mesaurement of beauty, di Giovanni Bignami, What remains to be discovered.

Una conferenza internazionale fuori dagli schemi e unica nel suo genere. È previsto, tra gli altri interventi, uno Speakers’ Corner – che porterà a Firenze un pezzetto di Hyde Park -, Book Crossing, pieces teatrali ‘tecnologiche’ e performance musicali ‘scientifiche’.

Ascolta l’intervista a Massimiano Bucchi

Per saperne di più:

  • Per la versione dettagliata del programma, comprendente le affiliazioni dei relatori, gli abstracts delle sessioni e i titoli dei papers individuali vedi il sito www.pcst2012.org.