EFFETTI SPECIALI DA STELLE IN PUNTO DI MORTE

Fuochi d’artificio

Anelli giganteschi di gas, lingue di fuoco e getti di polveri si propagano dalle stelle morenti. Contemporaneamente, giovani soli emettono intensa radiazione ultravioletta, che fa risplendere la nebulosa NGC 3582. Lo spettacolo pirotecnico della nuova immagine ESO.

Uno spettacolo pirotecnico di stelle in punto di morte. È quello che si vede in questo ritratto della nebulosa NGC 3582, una regione d’intensa formazione stellare della Via Lattea, nella costellazione australe della Carena. La foto è stata ottenuta con il WFI (Wide Field Imager) montato sul telescopio dell’MPG/ESO da 2,2 metri all’Osservatorio di La Silla in Cile.

Si vedono stelle che esplodono in fuochi d’artificio. Anelli giganteschi di gas, simili alle protuberanze solari,  vengono espulsi dalle stelle morenti. Ma in queste incubatrici stellari sono presenti anche stelle nuove, appena nate. Queste stelle giovani e piene di energia emettono intensa radiazione ultravioletta che fa risplendere il gas della nebulosa, producendo gli “effetti speciali”  che possiamo ammirare.

Alcune delle stelle che si formano nelle regioni come NGC 3582 sono molto più pesanti del Sole. Questi “pachidermi”  emettono energia a tassi prodigiosi e finiscono le loro brevi vite in un’esplosione nota come supernova. Il materiale espulso in questi eventi drammatici crea bolle nel gas e nella polvere circostanti. Questa è la più probabile causa delle strutture da anello visibili in questa immagine.

La fotografia è stata elaborata dall’ESO nell’ambito della partecipare alla competizione astrofotografica “Tesori Nascosti 2010”, che ha dato agli amanti dell’astronomia l’opportunità di scandagliare gli enormi archivi di dati astronomici dell’ESO, alla ricerca di una gemma nascosta che attendeva l’intervento dei partecipanti per essere portata alla luce e fatta risplendere.