PER LA PRIMA VOLTA UN ITALIANO ALLA GUIDA

Bignami al timone del COSPAR

L'astrofisico Giovanni Bignami, dell'Università di Pavia, è il nuovo presidente del Comitato Internazionale per la Ricerca Spaziale (Cospar). Primo obiettivo: satelliti per paesi in via di sviluppo. Il presidente Maccacaro: "Soddisfatti, abbiamo sostenuto con forza questa candidatura".

Per la prima volta un italiano è a capo del Comitato Internazionale per la Ricerca Spaziale (Cospar). L’astrofisico Giovanni Bignami, dell’Università di Pavia, è il neo presidente del Cospar, eletto nell’assemblea in corso in Germania, a Brema. Bignami, recentemente insignito della Medaglia Pascal, entrerà in carica domenica prossima, 25 luglio.

”La mia convinzione – ha dichiarato Bignami all’agenzia Ansa – è che il Cospar possa fare qualcosa di più rispetto alle singole agenzie spaziali nazionali”. In quest’ottica domenica Bignami presenterà il suo programma di lavoro. ”Tre i principali obiettivi. Il primo punta allo sfruttamento dei dati sull’osservazione della Terra in un modo che sia il più possibile globale e a favore dei Paesi più poveri, che non sanno costruire i satelliti ma che dei satelliti hanno bisogno”.

Gli altri due obiettivi sono più scientifici e legati all’esplorazione. “Esplorazione dell’Universo vicino, ossia del Sistema Solare, con missioni robotiche e umane”‘, e missioni di astrofisica che puntano ad osservare l’Universo lontano.

“Siamo molto soddisfatti perché abbiamo sostenuto con forza questa candidatura a cui Bignami teneva molto”, ha detto Tommaso Maccacaro, presidente dell’INAF. “La presidenza del Cospar a Giovanni Bignami premia la sua intraprendenza e anche il ruolo che il nostro paese ha nel settore spaziale e nella ricerca astronomica e astrofisica. A Nanni va il nostro sincero augurio di buon lavoro con la certezza che saprà cogliere molte altre soddisfazioni per sé e il suo “team”!”