LA CERIMONIA A PARIGI IL 9 GIUGNO

A Herschel e Planck il Grand Prix della AAAF

Ai team che hanno reso possibili queste due eccezionali imprese spaziali, recita l’annuncio della Associazione francese per l’aeronautica e l’astronautica. Il premio è lo Special Grand Prix, e ad aggiudicarselo, per il 2010, sono le due missioni gemelle Herschel e Planck dell’ESA

Le due missioni ESA Herschel e Planck

L’annuncio e gli inviti stanno arrivando in questi giorni a stretto giro di posta. Destinatari, Herschel e Planck, le due missioni spaziali gemelle dell’ESA, entrambe realizzate anche grazie al fondamentale contributo dell’INAF e dell’ASI, lanciate in orbita il 14 maggio 2009 da un unico vettore Ariane V. Due missioni che, da quando hanno raggiunto la loro destinazione, a 1.5 milioni di chilometri dalla Terra, stanno mietendo non solo premi e riconoscimenti, ma anche e soprattutto una stupefacente messe di dati scientifici di altissima qualità.

Ai telescopi spaziali Herschel e Planck, dunque, ai responsabili dei consorzi internazionali che li hanno realizzati e a tutte le persone che ne fanno parte va lo Special Grand Prix 2010: il riconoscimento internazionale assegnato ogni anno dall’Associazione francese per l’aeronautica e l’astronautica (AAAF) alle persone e ai team che più hanno segnato il progresso della scienza e dell’esplorazione spaziale.

La cerimonia di premiazione si svolgerà a Parigi il 9 giugno, presso il Salone dell’Aeroclub Francese, e vi parteciperà fra gli altri l’astronauta Jean-Pierre Haigneré.

Fra gli invitati alla cerimonia, in qualità rispettivamente di Planck Project Scientist e Planck/LFI Principal Investigator, Jan Tauber dell’ESA e Reno Mandolesi dell’INAF-IASF Bologna. Li abbiamo intervistati:

[flv:http://www.media.inaf.it/video/flv/award-tauber-mandolesi.flv 400 300]