IL CIELO DI FEBBRAIO

Quel giovane ammasso nel Cane maggiore

L'ammasso stellare aperto Ngc 2362, composto da stelle molto giovani, è visibile già con l'ausilio di un binocolo nei cieli serali di febbraio. I consigli per osservarlo, insieme ai principali pianeti, costellazioni e fenomeni previsti questo mese

     01/02/2021
Social buttons need cookies

Una vista dell’ammasso stellare aperto Ngc 2362, dominato dalla luminosissima stella multipla Tau Canis Majoris, la cui componente principale è una supergigante blu. Crediti: Eso

Puntando lo sguardo verso sud, in queste sere di febbraio, possiamo provare a individuare un giovane ammasso di stelle, denominato Ngc 2362 o Ammasso di Tau Canis Majoris. L’ammasso si trova appunto in direzione della costellazione del Cane Maggiore ed è dominato dalla stella multipla Tau che appartiene a questo asterismo, la cui componente principale è una supergigante blu alcune decine di volte più massiccia del Sole. Data la sua luminosità, per individuare le altre stelle dell’ammasso, molto meno brillanti, è necessario un buon binocolo o, meglio , un piccolo telescopio. L’ammasso dista da noi circa 4500 anni luce e si è formato non più di cinque milioni di anni fa da una gigantesca nube molecolare, i cui resti sono ancora identificabili soprattutto nella regione orientale dell’ammasso.

Ma oltre questo ammasso, il cielo di febbraio ha molto altro da offrirci. Per saperne di più su pianeti, costellazioni e congiunzioni visibili questo mese, nuvole permettendo, non vi resta che guardare il video che come di consueto abbiamo preparato per voi: