ATHENA

ATHENA (Advanced Telescope for High Energy Astrophysics) è la seconda missione di classe Large dell’ESA , e sarà il grande osservatorio di Astrofisica in raggi X dei prossimi vent’anni, dando all’Europa la leadership nel settore. Athena svelerà la formazione e l’evoluzione congiunta delle due componenti di altissima temperature ed energetiche del nostro Universo come il plasma caldo negli ammassi di galassie e gli oggetti celesti più estremi che si conoscano, ovvero i buchi neri e i lampi gamma, spingendosi fino all’epoca in cui si sono formate le prime stelle supermassicce. Per esplorare l’Universo profondo nei raggi X, Athena avrà a bordo strumentazione avanzatissima, combinando un telescopio di grande area con due strumenti di piano focale. Lo strumento di punta è lo X-IFU, la prima X-ray Integral Field Unit in raggi X, basata su microcalorimetri criogenici con una elevatissima risoluzione energetica e buona capacità di imaging, accompagnato da uno strumento di campo largo WFI (Wide-Field Imager). La comunità italiana ha un ruolo fondamentale nella missione sia sulla parte scientifica che sulla strumentazione. Contributo primario è lo X-IFU, ma è previsto inoltre un ruolo rilevante sulle attività di ground segment. Link suggeriti:
ESA: link to IXO documents | ESA: link to ESA’s new approach in CV

Articoli relativi a ATHENA:

  1. La radiazione da una stella primordiale [11/07/2014]
  2. Athena alla scoperta dell’universo violento [27/06/2014]
  3. Raggi X dal giovane Universo [05/03/2014]
  4. Una nuova finestra sull’Universo violento [28/11/2013]
  5. Dai buchi neri sgorgano gli UFO [27/02/2012]
  6. Micro calorimetria , maxi risultati [29/03/2011]