POCO CHIARA LA LORO ORIGINE

72 brevi e luminosi misteri

Nell'ambito del Dark Energy Survey Supernova Programme sono stati individuati 72 flash luminosi. Sembrerebbero supernove, se non fosse che la durata è troppo breve: la loro vera natura rimane per ora un mistero

Le immagini di uno degli eventi transienti mostrano il flash di luce dagli 8 giorni precedenti la massima luminosità fino ai 18 giorni successivi. Questa esplosione ha avuto luogo a 4 miliardi di anni luce da noi. Crediti: M. Pursiainen / University of Southampton

Per quanto ci sforziamo di osservare il cosmo, cercando di capirlo, ogni volta questo riesce a sorprenderci con qualcosa di nuovo. Questo è quanto deve aver pensato il team di astronomi guidato da Miika Pursiainen dell’Università inglese di Southampton che, lavorando alla ricerca di dati sull’energia oscura nell’ambito del Dark Energy Survey Supernova Programme (Des-Sn), si è trovato ad osservare una serie di eventi decisamente peculiari. 72 per la precisione, 72 luminosissimi lampi di luce, simili a supernove ma dalla durata troppo breve. I risultati sono presentati oggi, 3 aprile, alla European Week of Astronomy and Space Science in corso di svolgimento a Liverpool (Uk).

L’indagine è stata svolta grazie all’enorme specchio da 4 metri del telescopio Cerro Tololo Inter-American Observatory (Ctio) sulle Ande cilene. È il maggior numero di fenomeni transienti di questo tipo mai osservato e la loro natura è ancora poco chiara. Si illuminano espandendosi fino a diverse centinaia di Unità Astronomiche, ovvero centinaia di volte la distanza media dalla Terra al Sole (150 milioni di km), raggiungendo temperature comprese fra i 10mila e i 30mila gradi per poi raffreddarsi e scomparire repentinamente. Se normalmente una supernova ha una durata di diversi mesi, questi eventi durano solo qualche settimana.

Una possibile spiegazione potrebbe risiedere in una “coperta” di materiale che, rilasciato da una supernova prima di esplodere, avvolga la stella, nascondendola. Nel momento del botto non vediamo la supernova stessa ma la nube di gas e polveri che viene riscaldata e illuminata.

Per avere conferme sarà necessario continuare ad osservare il cielo, cercando nuovi eventi di questo tipo. Come ha dichiarato lo stesso Pursiainen: «Il nostro lavoro conferma che l’astrofisica e la cosmologia sono campi della scienza con ancora un sacco di domande senza risposta!».