APPUNTAMENTO A PISA

SpaceUp torna in Italia

Si svolgerà il 5 e il 6 maggio prossimi il terzo SpaceUp italiano. Dopo il successo delle due edizioni passate, a Roma nel 2015 e a Milano nel 2016, torna nel nostro Paese la non-conferenza pensata per professionisti e appassionati dello spazio, dove non ci sono oratori e spettatori ma solo partecipanti

Dal 05.05.2018 al 06.05.2018

Si terrà a Pisa il 5 e il 6 maggio prossimi il terzo SpaceUp italiano. Dopo il successo delle due edizioni passate, a Roma nel 2015 e a Milano nel 2016, torna in Italia la non-conferenza pensata per professionisti e appassionati dello spazio, dove non ci sono oratori e spettatori ma solo partecipanti.

L’iniziativa, nata nel 2010 a San Diego e presto diffusasi in tutto il mondo, si svolge senza un programma vero e proprio. Sono infatti i partecipanti a proporre i temi e a discuterli insieme, stimolando idee o condividendo semplici aneddoti con gli altri, con sessioni brevi e gruppi di discussione in continuo divenire. A tirare le fila di tutto un nutrito gruppo di giovani professionisti del settore spaziale. Per capire meglio come funzioni questa edizione abbiamo intervistato per voi Francesco di Lauro, studente al secondo anno magistrale in ingegneria aerospaziale, segretario di Euroavia Pisa e organizzatore dell’evento.

Ciao Francesco, innanzitutto dicci: come vi è venuta in mente l’idea di organizzare uno SpaceUp?

Tutto è nato dopo essere stato con alcuni miei compagni di corso allo SpaceUp Côte d’Azur, organizzato a Nizza. Siamo rimasti talmente folgorati dall’atmosfera dinamica e frizzante che si respirava durante tutto l’evento, che ci siamo chiesti: perché non organizzarne uno anche noi? Così ne ho parlato con tutto il gruppo direttivo di Euroavia Pisa che ha accolto con entusiasmo l’idea. Insieme ad altri ragazzi davvero in gamba abbiamo messo insieme un team, raccolto le idee e cominciato a preparare le basi di tutto quello che siamo riusciti a fare fino ad oggi. Senza un gruppo così affiatato e con tanta voglia di fare, con il desiderio di portare un po’ di cultura spaziale nel territorio, probabilmente tutto questo sarebbe rimasto solo un piccolo sogno nel cassetto.

Francesco Di Lauro

Cosa avete in serbo per SpaceUp Pisa?

SpaceUp Pisa sarà il terzo SpaceUp ad essere organizzato in Italia. Le prime due edizioni di Roma e di Milano, alla quale ho avuto il piacere di partecipare, sono state dei veri successi. Stiamo lavorando duramente per far sì che che anche il nostro lo sia. Ad esempio, stiamo preparando una serie di “competizioni” che saranno indette durante lo SpaceUp al fine di invogliare i partecipanti a dare il meglio di sé. Dopotutto sono loro i veri protagonisti di tutta la “non-conferenza”.

Come funziona la struttura di uno SpaceUp? È così caotico come sembra?

La struttura di uno SpaceUp, in realtà, è più ordinata di quanto possa sembrare. Anche se il programma non è ben definito, ma è in continuo divenire, si possono distinguere due format principali: la sessione dei T-5 (“T minus 5”) e la grid session. I T-5 consentono, a chi desidera, di tenere presentazioni da 5 minuti a tema spazio davanti a tutta la platea. Le grid session, invece, sono sessioni molto dinamiche da 15/20 minuti che si tengono in parallelo in più aule, e possono avere la forma di dibattiti, tavole rotonde ecc. I temi trattati durante queste sessioni sono del tutto liberi Non mancheranno, comunque, durante i due giorni di evento, presentazioni vere e proprie tenute da keynote speaker.

Dacci qualche anticipazione su questi keynote speaker. Chi sono? Di cosa parleranno?

Per questa edizione avremo l’onore di ospitare nomi di altissimo profilo, come Elena Grifoni Winters, Capo di Gabinetto dell’Agenzia Spaziale Europea e Dario Kubler, fondatore e vicepresidente di Adaa, che terrà una presentazione sul percorso tecnologico che ha portato all’implementazione del computer di bordo Agc/Dsky utilizzato per arrivare sulla Luna durante le missioni Apollo. Avremo anche Simona Gallerani, della Scuola Normale Superiore di Pisa, che parlerà dell’utilizzo di telescopi spaziali per lo studio delle prime galassie ed i primi quasar che si sono formati dopo il Big Bang, e i professori Franco Frasconi dell’Infn e Mariano Andrenucci dell’Università di Pisa, esperti, rispettivamente, di onde gravitazionali e di propulsione elettrica.

Per chi volesse partecipare, come deve fare?

È semplice, basta andare sul sito ufficiale dell’evento (www.spaceuppisa.com) e registrarsi attraverso la piattaforma dedicata seguendo le indicazioni. Abbiamo cercato di mantenere il costo del biglietto più basso possibile, grazie anche al generoso contributo dei nostri sponsor. Il biglietto, comunque, garantisce l’entrata per entrambe le giornate ed è comprensivo di colazioni, pranzi, snack e gadget. Vi aspettiamo a Pisa!