UNA SCATTO PER MOSTRARE IL PROSSIMO OBIETTIVO

2000 giorni marziani per Curiosity

Continua imperterrita l'attività di Curiosity, il rover della Nasa che dal 2012 esplora Marte e festeggia la ricorrenza con uno scatto rivolto al futuro: una nuova area da esplorare e da studiare, un deposito d'argille che potrebbe dare maggiori indicazioni su cosa sia successo all'acqua marziana

Il mosaico scattato da Curiosity che mostra il prossimo obiettivo scientifico, un deposito di argille (evidenziato in bianco) che potrebbe svelare nuovi dettagli sul ruolo dell’acqua nella formazione del paesaggio. Crediti: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Duemila sol, duemila giorni marziani. Alle spalle quasi 19 km percorsi, una miriade di scoperte, dati e osservazioni per conoscere meglio il pianeta rosso, di fronte, un leggero pendio e poi una zona ricca di argille, nuove scoperte, nuove analisi e nuovi campioni da raccogliere.

Il longevo rover Mars Curiosity della Nasa festeggia la sua seconda migliaia di albe marziane con uno scatto rivolto al futuro del suo percorso. Quella evidenziata in bianco nell’immagine è una zona avvistata da satellite ricca di argille e si sa, per fare l’argilla serve l’acqua. Dove una volta c’era l’acqua un tempo potrebbe esserci stata la vita, sicuramente era presente un clima complesso che ha permesso l’esistenza di acqua liquida. Come e per quanto tempo questa sia esistita è una domanda che potrebbe trovare risposta solo analizzando dei campioni.