DAL GIORNO ALLA NOTTE

Juno: il crepuscolo al polo Sud di Giove

Un capolavoro: così si può definire questa nuova immagine scattata dalla sonda della Nasa, che ha catturato alla perfezione luce e colori del quinto pianeta del Sistema solare nella fase di crepuscolo

Il pianeta Giove ripreso dalla sonda Juno. Crediti: Nasa/Jpl-Caltech/Swri/Msss/Gerald Eichstädt

La linea immaginaria che separa il lato diurno da quello notturno di un pianeta si chiama “terminatore” o “zona crepuscolare”. Il fenomeno è visibile anche su altri oggetti illuminati dal nostro Sole e la sonda della Nasa Juno lo ha fotografato magistralmente sul pianeta Giove con la JunoCam.

Scattata durante l’unidicesimo flyby (passaggio ravvicinato) della sonda attorno al quinto pianeta del Sistema solare, nella foto d’artista è possibile ammirare lo spettacolo danzante dei vortici in formazione attorno al polo Sud e in movimento verso la zona equatoriale di Giove. Questo ritratto risale al 7 febbraio scorso, quando la navicella si trovava a oltre 120mila chilometri di distanza dalla parte più alta dell’atmosfera di Giove.

L’immagine è il frutto del lavoro del citizen scientist Gerald Eichstädt, il quale ha processato i dati “raw” raccolti dalla JunoCam e ne ha accentuato i colori per mettere in risalto i contorni delle nuvole. Il risultato è talmente bello che la foto sembra quasi un dipinto.

Lo scatto è uno dei tanti che Juno ha ripreso mentre era rivolto verso il polo Sud del pianeta. Protagonista della foto è, appunto, la regione dove il giorno incontra la notte. Per rendere il tutto più dettagliato e visibile, il team di scienziati e ingegneri che guidano la sonda ha regolato la JunoCam in modo che si comportasse come un fotografo ritrattista: la camera a bordo della sonda ha realizzato numerosi scatti a diverse esposizioni sperando di catturare l’immagine con il bilanciamento della luce desiderato. Per consentire a JunoCam di raccogliere una quantità di luce tale da rivelare le caratteristiche della zona crepuscolare di Giove, il lato diurno è stato sovraesposto.

La sonda è in orbita attorno a Giove dal 2016, ha un profilo di missione per orbite polari e si propone di dare risposte ad alcune questioni fondamentali ancora irrisolte sul pianeta stesso, la sua formazione e la sua evoluzione. L’Italia partecipa alla missione con due strumenti: Jiram (Jupiter InfraRed Auroral Mapper) per le studio delle aurore e dell’atmosfera e un transponder in banda Ka per studi gravitazionali. Jiram è coordinato dall’Istituto di astrofisica e planetologia spaziali dell’Inaf.