L’ASTEROIDE 2002 AJ129 PASSA E VA

Se 4,2 milioni di chilometri vi sembran pochi

Nella notte del 4 febbraio prossimo un asteroide del diametro di circa 500 metri raggiungerà la minima distanza dalla Terra, a oltre dieci volte lo spazio che ci separa dalla Luna. Rischio zero per impatti o interazioni con il nostro ambiente planetario. Facilità di osservazione? Molto bassa, la sua luminosità non lo renderà visibile ad occhio nudo

Rappresentazione artistica di un oggetto near-Earth

La Nasa annuncia sui suoi siti web un nuovo “passaggio ravvicinato” alla Terra di un asteroide di discrete dimensioni a inizio febbraio e, puntualmente, scatta sui media di tutto il mondo il campanello d’allarme. Giusto mantenere alta l’attenzione su questi oggetti celesti, per studiarli al meglio e prevederne l’evoluzione delle loro traiettorie, ma stavolta di “ravvicinato” c’è ben poco. L’asteroide in questione, denominato 2002 Aj129, del diametro stimato attorno ai 500 metri, raggiungerà la sua minima distanza dalla Terra il 4 febbraio prossimo attorno alle 22:30 italiane, ma si troverà a oltre 4,2 milioni di chilometri da noi: più di dieci volte lo spazio che ci separa dalla Luna. Nessun pericolo, quindi, per il nostro pianeta. Detto questo, seguirlo sarà davvero difficile proprio per la sua lontananza: le attuali stime della sua magnitudine apparente si attestano intorno al valore di 12. Questo significa che l’oggetto è assolutamente fuori della portata della nostra semplice vista e sarà quindi necessario dotarsi di un ottimo binocolo da puntare in un cielo perfettamente limpido e privo di inquinamento luminoso o, meglio, almeno un piccolo telescopio di discreta qualità per non dover osservare dalle Ande cilene.

In più, a quell’ora, l’asteroide, almeno in Italia, sarà sotto l’orizzonte, dal quale sorgerà circa alle 23:30. Vabbè, volete provarci lo stesso? Sappiate pure che, non molto lontano nel cielo, ci sarà una Luna calante ma illuminata per quasi il 75 per cento rispetto alla totalità, che non aiuterà di certo le osservazioni, riducendo con la sua luce la sensibilità dei nostri occhi.

Chi invece davvero a un asteroide ci passerà vicinissimo – tanto addirittura da toccarlo per prelevare dei campioni di superficie e riportarceli a Terra – sarà non un essere umano, ma una sonda robotica nello spazio, anzi due. La missione Osiris-Rex, di cui abbiamo parlato anche recentemente qui su Media Inaf, raggiungerà a dicembre l’asteroide Bennu, gli gironzolerà un po’ attorno, per studiarlo e poi scendere su di esso nel 2020, appoggiarvisi delicatamente raccogliendo un po’ di materiale superficiale e infine ripartire col suo prezioso carico alla volta del nostro pianeta, dove arriverà a settembre del 2023. Analogo copione, ma sull’asteroide 162173 Ryugu, per la missione giapponese Hayabusa-2. Touch-down previsto per quest’estate e arrivo a Terra dei campioni fra un paio d’anni.

Guarda qui sotto l’animazione della traiettoria dell’asteroide 2002 Aj129 realizzata dalla Nasa: