X

DALL’8 NOVEMBRE AL 4 MARZO

Sognando Marte, una grande mostra a Madrid

Inaugurata oggi, mercoledì 8 novembre, nella capitale spagnola la mostra “Marte. La conquista de un sueño”. Il percorso espositivo comprende anche libri, strumenti scientifici e stampe originali provenienti dal Museo Copernicano dell’Inaf di Roma, che è tra i consulenti scientifici della mostra

Dal 08.11.2017 al 04.03.2018

La conferenza stampa di presentazione della mostra. Il secondo da sinistra è Marco Faccini dell’Inaf di Roma

Inaugurata oggi, mercoledì 8 novembre, a Madrid la mostra “Marte. La conquista de un sueño”: una grande esposizione che affronta le origini della curiosità per il Pianeta rosso, il suo impatto sulla cultura e della scienza, ed esplora alcune delle ipotesi in corso per farci diventare la prima “specie interplanetaria”.

Marte affascina e incuriosisce l’umanità da almeno 4500 anni, come testimoniano i primi riferimenti al Pianeta rosso giunti fino a noi, quelli degli assiri. Da allora a oggi, per ricordare solo alcune delle pietre miliari nella conoscenza del nostro “vicino di orbita”, c’è il primo disegno, realizzato da Francesco Fontana nel 1608, la prima fotografia, che risale al 1907, o il primo atterraggio riuscito, quello del Viking 1 nel 1976, che alcuni prevedono culminerà nel 2030 con l’arrivo di esseri umani sul quarto pianeta del Sistema solare. A quest’avventura ancora in corso l’Espacio Fundación Telefónica dedica “Marte. La conquista di un sogno”: una mostra che affronta Marte da ogni prospettiva – scientifica, culturale, storica – progettata con la consulenza dell’Instituto Nacional de Técnica Aeroespacial (Inta) spagnolo, dell’Agenzia spaziale europea (Esa) e dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), e realizzata con la collaborazione di LG.

Alcuni degli strumenti e dei libri esposti a Madrid prestati dal Museo Copernicano dell’Inaf

Il percorso espositivo comprende 150 oggetti, alcuni dei quali di grande valore per il loro interesse storico o documentario. C’è una replica del primo telescopio di Galileo Galilei (1609), un frammento di meteorite marziano caduto in Nigeria nel 1962, illustrazioni originali da “La guerra dei mondi” dell’artista brasiliano Henrique Alvim-Corrêa e modelli in 3D delle principali missioni su Marte.

Notevole e prezioso il contributo – illustrato ieri in conferenza stampa da Marco Faccini dell’Osservatorio astronomico dell’Inaf di Roma – del Museo Copernicano ospitato nella sede centrale dell’Inaf, a Roma. «Si tratta di strumenti, libri e stampe originali risalenti al periodo che va dal XVI al XX secolo, dal De Revolutionibus di Copernico a Mars and its canals di Percival Lowell. Tesori dell’Inaf», sottolinea Faccini, «che per la prima volta vengono mostrati, tutti insieme, al pubblico internazionale. Strumenti e volumi che hanno cambiato la storia dell’astronomia e della scienza in generale. Testimonianze di come l’osservazione e lo studio del Pianeta rosso ci hanno consentito di fare balzi in avanti nella conoscenza del cosmo».

«Oltre agli oggetti provenienti dal museo romano», aggiunge Faccini, ricordando che la mostra, per la quale sono attese oltre 250mila visite, sarà l’evento clou delle esposizioni 2017-2018 della Fundación Telefónica, «sono presenti anche altri due gioielli dell’Inaf, e in particolare dell’Osservatorio astronomico di Padova: due globi rappresentanti Marte».

Pubblico alla mostra il giorno di inaugurazione

Coprodotta con la Città delle arti e delle scienze di Valencia, la mostra è divisa in cinque sezioni principali: il fascino per Marte, che espone le ragioni per l’interesse attorno al Pianeta rosso e i dati che lo definiscono e lo distinguono dagli altri pianeti del Sistema solare; l’osservazione di Marte, dal punto di vista della scienza e della fantascienza; Marte nell’immaginario collettivo e la sua rappresentazione nella cultura; un percorso lungo le pietre miliari dell’esplorazione di Marte; e infine il futuro, la conquista di Marte da parte degli esseri umani, che comprende gli esperimenti in corso con astronauti qui sulla Terra, la progettazione di possibili alloggi marziani e, in generale, lo studio dell’adattamento interplanetario.

Categories EventiIn evidenzaINAFNews
Tags ESAINAFIntaMadridMarteMostreMuseiOA PadovaOA Roma
Redazione Media Inaf: