IMMERGITI NELL’ANTENNA PIÙ AVANZATA D'EUROPA

È online il Virtual Tour di Srt

DisponIbile sul sito ufficiale del Sardinia Radio Telescope, l’atteso “virtual tour” è uno strumento di navigazione curato da Gianni Alvito che consente di visitare l’antenna attraverso immagini immersive. Tra le possibilità di fruizione anche quella tramite gli “oculus”

Possiamo visitarlo all’interno?”, “Si può entrare?”, “Perché non si può salire?”. Queste sono alcune delle domande che i visitatori, immancabilmente e comprensibilmente, rivolgono al personale dell’Osservatorio astronomico dell’Inaf Cagliari durante le visite al Sardinia Radio Telescope a San Basilio. Le ragioni per cui la visita all’interno di SRT è preclusa al pubblico sono molte e validissime.

Innanzitutto se SRT fosse un “monumento” fisso come, ad esempio, la Tour Eiffel o la torre di Toronto, ci sarebbero certamente meno problemi. L’antenna sarda, invece, è stata pensata e costruita proprio per muoversi in tutte le direzioni possibili alla ricerca delle sorgenti radio nell’universo. Lasciarla ferma nella cosiddetta posizione di “parcheggio” per consentire le visite al pubblico andrebbe dunque a danneggiarne in primis l’attività scientifica. Farebbe, in sostanza, perdere moltissimo tempo ai ricercatori che vengono pagati da soldi pubblici per usarla e per creare quei contenuti scientifici che quotidianamente vedete pubblicati, anche qui sulle pagine di Media Inaf.

Inoltre, anche se non capita molto di frequente, anche persone che teoricamente non soffrono di vertigini, una volta che escono dall’ascensore e mettono i piedi sul grigliato vedendo cinquanta metri di vuoto sotto i propri piedi, possono avere vertigini, mancamenti e panico.

Insomma, le poche visite che ogni anno si consentono agli esterni sono destinate a eventi eccezionali, come conferenze scientifiche, sopralluoghi tecnici, visite di enti importanti come delegazioni della Regione, del governo cinese o della Nasa, come è avvenuto abbastanza spesso durante l’ultimo anno.

Se non fate parte della Nasa, in ogni caso, non disperate: da oggi sarà possibile visitare l’antenna in pochi click grazie al nuovo Virtual Tour curato da Gianni Alvito, storico fotografo dell’Osservatorio astronomico di Cagliari. Grazie a una dozzina di fotografie sferiche, frutto dell’unione di diversi scatti, il visitatore virtuale avrà una visuale privilegiata e dettagliata degli ambienti, interni ed esterni e addirittura aerei di Srt. Per farlo è sufficiente andare sulla pagina web dedicata.

Le immagini a 360 possono essere visionate da una molteplicità di sistemi: dal cellulare, dal pc di casa o, magari, su una grande smart-tv. E, cosa relativamente recente, anche tramite gli oculus: occhiali virtuali all’interno dei quali è possibile inserire uno smartphone dallo schermo abbastanza esteso. Utilizzando gli oculus, la sensazione è di essere totalmente immersi in un determinato ambiente, in questo caso il Sardinia Radio Telescope, tanto che le vertigini possono venire anche stando perfettamente fermi.

Il nuovo sistema oculus dell’Inaf di Cagliari è solo all’inizio del suo sviluppo: Alvito lo ha già portato a Bologna per fare lo stesso lavoro fatto su Srt anche nell’antenna radioastronomica di Medicina. E non sono mancate le occasioni di collaudo sul campo: nei mesi scorsi Silvia Casu, responsabile della divulgazione all’Inaf di Cagliari, ha fatto provare gli oculus direttamente al pubblico del Festival Futuro Remoto di Napoli, mentre Alvito li ha mostrati alla fiera Sinnova 2017 di Cagliari. Infine, per chi volesse vedere il Sardinia Radio Telescope dal vero, vi anticipiamo che è in fase di ultimazione un visitor center dotato di nuove tecnologie, in grado di rendere le visite ancora più appassionanti per scuole e pubblico di ogni genere.

Per provare il Virtual Tour: