LO SPETTACOLO SOLARE VISTO DA MOLTO VICINO

L’eclissi totale fotografata da Hinode

Gli strumenti del telescopio giapponese hanno regalato delle inedite immagini del raro fenomeno verificatosi lo scorso 21 agosto sopra gli Stati Uniti

In Europa è stata visibile solo parzialmente e soltanto in alcune regioni, mentre negli Stati Uniti l’hanno vista in diretta col naso all’insù ben 200 milioni di persone. Parliamo dell’eclissi solare totale dello scorso 21 agosto, un evento raro, atteso da ben 99 anni. Il Sole è diventato nero e i social sono impazziti. Fotografata da milioni di smartphone, l’eclissi è stata ripresa perfettamente anche dallo spazio con il satellite Hinode (Jaxa, Nasa, Esa, Uk Space Agency).

Con i suoi tre telescopi (visibile, raggi X e ultravioletti), Hinode sta studiando il campo magnetico solare su scale più piccole rispetto al passato così da acquisire nuove informazioni sulle colossali esplosioni nell’atmosfera solare.

Osservando l’eclissi dall’orbita terrestre, Hinode ha potuto raccogliere dati aggiuntivi sulla struttura coronale della regione polare del Sole e sul meccanismo dei getti di plasma che si creano in questa zona. Le immagini, poi montate in un time-lapse, sono state scattate dall’X-ray telescope (Xrt) mentre il satellite era a 680 chilometri d’altezza sull’Oceano Pacifico.

Per un’ora e mezza circa l’eclissi ha attraversato gli Stati Uniti da ovest a est, oscurando il cielo in 12 Stati. Un’altra eclissi di Sole (ma solo parziale) sarà visibile il 21 giugno 2020 in Italia, mentre per la prossima totale bisognerà attendere il 12 agosto 2026, quando sarà protagonista l’intero emisfero nord, e nel nostro Paese sarà osservabile al tramonto.

1xrteclipse_20170821_165202-1_of_3 2xrteclipse_20170821_165632-2_of_3 3xrteclipse_20170821_170302-3_of_3
<
>
Il satellite Hinode ha ripreso l'eclissi del 21 agosto 2017

Per saperne di più: