IL SETTIMO PASSAGGIO RAVVICINATO

Juno e lo spettacolo della Grande Macchia Rossa

Un gruppo di citizen scientist ha lavorato all'elaborazione dei dati ottenuti dalla JunoCam a bordo della sonda della Nasa, alla quale partecipa anche l’Inaf. Le immagini della tempesta anticiclonica gioviana sono le migliori mai ottenute fino a oggi

Mica siam qui a smacchiare… Giove! Lo scorso 10 giugno, durante il su settimo flyby vicino al pianeta gassoso, la JunoCam a bordo della sonda Juno della Nasa (a cui collabora in maniera significativa anche l’Istituto nazionale di astrofisica) ha fotografato la Grande Macchia Rossa. Di cosa si tratta? Ne abbiamo parlato spesso su Media Inaf: è la grande tempesta che imperversa sulla superficie del quinto pianeta del Sistema Solare da almeno 350 anni.

Questa immagine della Grande Macchia Rossa su Giove è stata realizzata dal citizen scientist Jason Major usando i dati ottenuti dalla JunoCam a bordo della sonda Juno della Nasa a cui collabora anche l’Inaf. L’immagine è stata scattata lo scorso 10 luglio durante il settimo flyby della sonda attorno al pianeta gassoso. In quel momento, la sonda si trovava a quasi 14 mila chilometri di altezza sopra le nuvole di Giove. Crediti: Nasa/Jpl-Caltech/Swri/Msss/Jason Major

Gli scatti della Grande Macchia Rossa che Juno ha inviato a terra sono i migliori mai ottenuti finora di questa tempesta anticiclonica. I dati della JunoCam sono stati elaborati da un gruppo di citizen scientist, cioè scienziati amatoriali che si sfruttano il loro tempo libero per lavorare a dati scientifici aiutando – così – i team di ricercatori in tutto il mondo.

In particolare, il grafico Jason Major ha realizzato l’immagine che vedete qui in alto: «Seguo la missione Juno da quando è stata lanciata. È sempre emozionante vedere queste nuove immagini di Giove quando arrivano, ma è ancora più emozionante prendere le immagini grezze e trasformarle in qualcosa che la gente può apprezzare».

Abbastanza potente da inglobare la Terra e altri due pianeti simili, la Grande Macchia Rossa è larga circa 16.350 chilometri (rilevazione dal 3 aprile 2017). La tempesta viene monitorata dal 1830 ed è diminuita nelle sue dimensioni con una rapidità sempre maggiore di anno in anno (anche se adesso questo tasso di decrescita sembra essere rallentato).

Il prossimo passaggio ravvicinato della sonda attorno a Giove si verificherà il primo settembre.

PIA21773_hires PIA21395_hires
<
>
La Grande Macchia Rossa vista dalla JunoCam. L'immagine è stata scattata il 10 luglio 2017 da una distanza di 9866 chilometri dalle nuvole gioviane. Crediti: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS/Gerald Eichstadt

Per saperne di più:

  • Clicca QUI per visionare le immagini scattate dalla JunoCam