LANCIATO IL CONCORSO #CASSINIINSPIRES

Cassini diventa musa

A pochi mesi dalla fine di quella che ricorderemo come una delle missioni spaziali più grandiose della storia, la Nasa ha deciso di dedicarle un concorso artistico molto speciale. La sonda Cassini, in orbita attorno a Saturno dal luglio 2004, diventa l’ispirazione per opere d’arte di qualunque genere: fotografie, poesie, testi in prosa, rappresentazioni teatrali e dipinti

L’opera “Saturn, Perlin Noise Algorithm variant 4” di Carlos Caicedo

Nei suoi quasi vent’anni di attività nello spazio, la missione Cassini ha fatto molto per ispirare il genere umano. Partita nell’ottobre del 1997 da Cape Canaveral, la sonda della Nasa ha inviato a Terra alcune delle immagini più spettacolari della storia dell’esplorazione spaziale: dagli anelli di Saturno, alle sue lune ghiacciate, passando per scorci mozzafiato dell’atmosfera del gigante con gli anelli. La sonda Cassini non si è limitata a studiare Saturno e il suo sistema, scoprendo ad esempio i geyser d’acqua al polo sud di Encelado o i mari di idrocarburi su Titano, ma ha realizzato delle vere e proprie opere d’arte, come il selfie collettivo scattato a luglio del 2013, inquadrando la Terra, o le immagini di Giove e della sua densa atmosfera, catturate durante la manovra di sorvolo ravvicinato del pianeta nel 2000.

Dipinto su acrilico di Eileen McKeon Butt

Negli ultimi mesi Cassini si è inserita su orbite sempre più vicine al pianeta e agli anelli, ottenendo le immagini a più alta risoluzione di sempre. La sonda si sta avvicinando al suo gran finale, previsto per il 15 settembre prossimo, durante il quale la sonda si tufferà nell’atmosfera del pianeta. Questo simbolico evento segnerà la fine di una delle missioni spaziali più ambiziose mai realizzate dall’umanità. Per celebrare questa occasione la Nasa ha lanciato un concorso, con il quale raccoglierà opere d’arte ispirate dalla missione Cassini.

L’idea è di consultare una selezione di immagini tra quelle scattate dalla sonda nel corso della sua attività, e di lasciarsi solleticare la fantasia. Una volta scelta l’immagine, associata magari alla scoperta scientifica che più vi ha colpito, potrete scrivere una poesia o un testo di prosa, realizzare un quadro, un collage o una fotografia, mettere in scena un’opera teatrale o una danza. La libertà, dal punto di vista creativo è totale, purché l’opera finale non violi i diritti d’autore di nessuno e non contenga messaggi commerciali (per consultare il regolamento completo, visitate questa pagina).

Per partecipare sarà sufficiente condividere la vostra creazione su una piattaforma social a scelta utilizzando l’hashtag #CassiniInspires, oppure inviandola direttamente all’indirizzo di posta elettronica cassinimission@jpl.nasa.gov. Quelle ritenute migliori verranno condivise sulle pagine social della Nasa e sulla pagina internet dedicata al concorso. Che aspettate? Cassini non vede l’ora di diventare la vostra musa.

“#CassiniInspires …then I ate it… on a crumpet… mmmm!” dall’utente Twitter @kcwmobile

Guarda il servizio video su Inaf Tv: