IL CIELO DI MARZO

M101, una galassia da copertina

La splendida galassia a spirale M101 è solo uno degli oggetti del cielo serale di questo mese che ci apre finalmente le porte della primavera. I consigli per individuarla, insieme ai pianeti e ai principali fenomeni celesti visibili a marzo

La galassia a spirale Messier 101 o M101 (anche nota come NGC 5457), ripresa dal telescopio spaziale Hubble. Crediti: NASA, ESA, CXC, SSC, e STScI

M101, situata in direzione della costellazione dell’Orsa Maggiore, è senza dubbio una tra le galassie più immortalate ed iconiche. Vi chiedete il perché di questa celebrità? La risposta tutta è nell’immagine qui di fianco, presa dal telescopio spaziale Hubble, che ci mostra la bellezza e i delicati dettagli di questo oggetto celeste che si trova a oltre 20 milioni di anni luce da noi e che ci appare quasi perfettamente di faccia, rivelando le strutture dei suoi bracci a spirale. Scoperta nel 1781 dall’astronomo francese Charles Messier, M101 ha una estensione e una massa complessiva decisamente maggiore della nostra galassia, la Via Lattea. Seppure considerata una dei più classici esempi di galassia spirale, M101 mostra una evidente asimmetria nella sua struttura: gli astronomi ritengono che siano i postumi di una passata fase di interazione gravitazionale con un’altra galassia di passaggio.

Per osservare la galassia M101 “dal vivo” però c’è bisogno – almeno – di un un discreto telescopio amatoriale. Ma nel cielo serale di marzo c’è molto altro da ammirare anche solo ad occhio nudo: i pianeti Venere, Marte e Giove ad esempio. Ma anche delle interessanti congiunzioni della Luna. Siete curiosi di sapere dove e quando? allora non dovete far altro che guardare il video qui sotto che abbiamo preparato per voi.