MASSA, FORZA E VELOCITÀ: LA FISICA DELLO SPORT

Dal Brasile allo spazio con le AstrOlimpiadi NASA

Al via AstrOlympics, un’iniziativa didattica ideata dal team di comunicazione del telescopio spaziale Chandra per mettere a confronto le incredibili acrobazie e prestazioni degli atleti olimpici con i fenomeni più spettacolari osservati nell’Universo.

Dal 5 al 21 agosto Rio de Janeiro ospiterà le Olimpiadi 2016, ma quando si parla di sport non si può non parlare anche di scienza. Perché di questo si tratta: distanza, massa, velocità, rotazione, pressione, tempo, cioè tutte variabili presenti costantemente nella fisica. Per questo, a pochi giorni dall’arrivo della fiaccola olimpica in Brasile, la NASA e il gruppo di comunicazione di Chandra hanno lanciato un interessante progetto, AstrOlympics, ideato per mettere a confronto le incredibili acrobazie e prestazioni degli atleti olimpici con i fenomeni più spettacolari osservati nell’Universo.

Lo sport e la scienza, quindi, legati più che mai da “semplici” leggi della fisica che governano anche la nostra vita quotidiana. E allora perché non conoscerle meglio godendo anche delle immagini più belle mai raccolte nello spazio dai telescopi spaziali? Con AstrOlympics si cerca di spiegare in parole semplici i concetti della fisica, confrontandoli poi con esperienze della vita di tutti i giorni, come ad esempio la centrifuga della lavatrice, i limiti di velocità sulle nostre strade, il peso del corpo sulla Terra, la distanza da percorrere da un punto all’altro del pianeta o il tempo che scorre nei nostri orologi.

E parlando di giochi olimpici non possiamo non ricordare la squadra italiana che parteciperà alle XXI Olimpiadi Internazionali di Astronomia, in calendario dal 5 al 13 ottobre in Bulgaria. Lorenzo Pica Ciamarra, Vincenzo Sorrentino, Augusto Giuseppe Suraci, Pietro Benotto, Jacopo Guoyi Chen e Flavio Salvati sono già ai blocchi di partenza.

Allora, un grande in bocca al lupo a tutti gli atleti e agli scienziati delle Olimpiadi!

<
>

Per saperne di più:

Fonte: Media INAF | Scritto da Eleonora Ferroni