COMPRESA LA MATERIA OSCURA

Quanto pesa la Via Lattea? 700 miliardi di soli

Una nuova e più accurata stima della massa della nostra galassia. Calcolato con un metodo che tiene conto anche di velocità solo parzialmente note degli ammassi globulari, il risultato è stato presentato oggi al meeting annuale della Canadian Astronomical Society

mwdetailNe abbiamo parlato diverse volte: quanto “pesa” la Via Lattea? Ogni anno gli esperti aggiornano le stime cercando di essere sempre più precisi. Di recente un gruppo di ricercatori guidati da Gwendolyn Eadie è arrivato a un numero piuttosto accurato: circa 7 x 10^11 masse solari, vale a dire la massa del nostro Sole moltiplicata per 700 miliardi. E se non sapete quanto è massiccia la nostra stella madre, beh non siete i soli anche perché si tratta di un numero quasi impossibile da figurare e pronunciare (2 nonilioni di kg, cioè 2 seguito da 30 zeri!).

Difficile da misurare è anche la massa di una galassia, che di per sé contiene centinaia di miliardi di stelle, magari anche simili al Sole, e poi pianeti, lune, gas, polveri e altri oggetti, per non parlare della porzione di materia oscura che ancora nessuno sa dove sia e cosa sia (soprattutto!). Ma includere anche la materia oscura nelle misurazioni è importante, se non altro perché gli oggetti a noi visibili vengono influenzati dalla sua forza gravitazionale. I ricercatori della McMaster University hanno usato le velocità e le posizioni degli ammassi globulari che orbitano attorno alla Via Lattea per misurare la sua massa. Le orbite degli ammassi globulari sono infatti determinate dalla gravità della galassia, che è fortemente influenzata dalla materia oscura.

Eadie è arrivata alla nuova stima, presentata oggi al meeting annuale della Canadian Astronomical Society (CASCA) e descritta in uno studio appena proposto per la pubblicazione a The Astrophysical Journal, grazie a una tecnica da lei ideata per l’utilizzo delle velocità degli ammassi globulari, che devono essere misurate in due direzioni: quella lungo la nostra linea di vista e quella attraverso il piano della volta celeste (il moto proprio). I ricercatori non hanno ancora misurato i moti propri di tutti gli ammassi globulari attorno alla Via Lattea, ma Eadie ha sviluppato un metodo per utilizzare anche queste velocità, che sono solo parzialmente note, per stimare la massa della galassia. Nello studio che descrive il metodo, pubblicato lo scorso anno su ApJ, i ricercatori hanno messo in evidenza il fatto che la materia oscura e la materia visibile possono avere diverse distribuzioni nello spazio.

Per saperne di più: