CON GLI ASTRONOMI DI ARCETRI AL TEATRO DEL CIELO

Una serata dedicata a Margherita Hack

Arcetri, Donna Ginevra, Margherita, il telescopio e un quarto di Luna è il titolo dell’evento dedicato a Margherita Hack che si terrà sabato 19 dicembre al Teatro del Cielo dell’INAF - Osservatorio Astrofisico di Arcetri. Protagonista la cantante Donna Ginevra Di Marco

fotomatteolari2Arcetri, Donna Ginevra, Margherita, il telescopio e un quarto di Luna è il titolo dell’evento dedicato a Margherita Hack che si terrà sabato 19 dicembre al Teatro del Cielo dell’INAF – Osservatorio Astrofisico di Arcetri. L’avventura umana e scientifica della nota astronoma fiorentina sarà esplorata in un percorso duplice, scientifico e artistico, proposto dagli astronomi dell’osservatorio insieme con la cantante Donna Ginevra Di Marco.

Ad Arcetri Margherita Hack si laureò nel 1945 con una tesi di astrofisica sulle Cefeidi, scritta sotto la supervisione di Giorgio Abetti, allora direttore dell’Osservatorio, che rimase per lei un modello di scienziato, di insegnante e di manager di un centro di ricerca scientifica. Da questo luogo sui colli fiorentini ebbe inizio il suo cammino scientifico che la condusse in varie parti del mondo fino ad approdare a Trieste, sua città di adozione, dove fu la prima donna in Italia a dirigere un osservatorio, dal 1964 al 1987, dandogli rinomanza internazionale.

«Una persona impegnata, forte, sincera, molto diretta – racconta Francesco Magnelli, musicista, promotore della serata – una fiorentina immersa nel Novecento alla quale non ho potuto far a meno di pensare quando, nel 2009, ho ideato e diretto L’anima della terra vista dalle stelle, lo spettacolo di parole e di musica su questo periodo storico. Cercavo una persona che potesse incarnare lo spirito del secolo scorso, per cui poter fare un parallelo tra il passato e l’attualità. Una donna che potesse fare da contraltare a Ginevra sul palco e lei, Margherita, era perfetta. Fiorentina, con uno spirito e un approccio molto simile al nostro. La incontrai ad una presentazione di un libro, l’avvicinai e le chiesi se fosse interessata alla mia idea, mi rispose subito di si. In seguito si sarebbe rivelata un fantastico animale da palcoscenico. Con lei abbiamo fatto spettacoli intensi, bellissimi per quattro anni. Ginevra la tradizione, con le canzoni, Margherita che raccontava l’attualità, spiegava i testi delle canzoni tradizionali approfondendo i temi e riportandoli ai giorni nostri. Un’esperienza e un rapporto con una persona unica, piena di energia. Che manca molto non solo a noi ma a tutti coloro che hanno avuto il piacere di conoscerla. Per questa ragione ci è parso naturale ritornare ad Arcetri. All’osservatorio è custodita la sua tesi di laurea, qui Margherita compì le sue prime osservazioni astronomiche con un piccolo telescopio di 30 cm di diametro situato sulla terrazza dell’osservatorio. Ad Arcetri inoltre di vi è un piccolo ma prezioso teatro all’aperto utilizzato per gli eventi che a noi è parso un luogo ideale per ricordarla, un posto a lei consono».

La serata, che si svolgerà nel Teatro del Cielo, prevede due ingressi, alle ore 18.00 e alle ore 21.00.
Maggiori informazioni: www.arcetri.astro.it