NOTIZIE DA SATURNO

La danza delle tre lune

Una bellissima immagine che descrive in maniera quasi poetica alcune delle tante lune che orbitano attorno al sesto pianeta del Sistema solare: si tratta di Titano, Mimas e Rea

Titano, Mimas e Rea. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute

Titano, Mimas e Rea. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute

Possiamo restare ore a guardare la luna nel cielo. Che sia luna piena, o una spicchio bianco che si staglia nel nero della notte sulla Terra. Un’immagine romantica, che ha ispirato opere, poesie e ha fatto scoccare la scintilla dell’amore in alcuni casi. Pensate allora cosa accadrebbe se potessimo guardare non una luna, bensì tre, come su Saturno, il sesto pianeta del Sistema solare.

In questa immagine, infatti, possiamo ammirare tre dei satelliti naturali di Saturno, Titano (5150 chilometri di grandezza), Mimas (396 chilometri) e Rea (1527 chilometri), in tutte le loro differenze. Titano, la luna più grande, appare un po’ annebbiata a causa dello strato di nuvole che la circonda  e dato che l’atmosfera di Titano rifrange la luce intorno alla luna, il suo spicchio è più illuminato rispetto a un corpo senza atmosfera. Rea (in alto a sinistra) appare ruvida perché la sua superficie ghiacciata è piena di crateri. E ad un attento esame Mimas (in basso al centro), anche se difficile da vedere in questa scala, mostra parte delle irregolarità presenti sulla superficie a causa del suo violento passato.

L’immagine ovviamente è stata scattata dal fotografo officiale di Saturno e delle sue lune, la sonda di NASA/ESA/ASI Cassini, lo scorso 25 marzo con la narrow-angle camera. Rispettivamente Titano è distante da Cassini circa 2 milioni di chilometri, Mimas dista 3,1 milioni di chilometri e Rea circa 3,5 milioni.

Per saperne di più:

Visita il sito della missione Cassini-Huygens