CON SANDRA BULLOCK E GEORGE CLOONEY

Gravity, terrore ad altissima quota

È in rete il trailer del nuovo film di Alfonso Cuarón. Thriller fantascientifico con generose dosi di realismo, mette in scena una passeggiata spaziale funestata dallo space debris. Sarà la pellicola d’apertura alla Mostra del Cinema di Venezia. Fra i protagonisti, due premi Oscar e lo Space shuttle.

Un fotogramma del trailer

Un fotogramma del trailer

Se la passeggiata spaziale con imprevisto del 16 luglio scorso ci ha tenuti con il fiato sospeso, quella che il prossimo 28 agosto inaugurerà la 70esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia rischia di togliercelo del tutto. Nulla di paragonabile, intendiamoci. Nel primo caso parliamo d’un’avventura fin troppo reale – per fortuna finita bene – con un interprete in carne e ossa, il nostro Luca Parmitano. Nel secondo d’adrenalina da grande schermo, seppure in 3D. Ma la situazione di partenza è la stessa: una complessa attività extraveicolare nello spazio. E l’aderenza alla realtà è assicurata da un consulente scientifico d’eccezione: Kevin Grazier, scienziato che quando non è impegnato a rendere plausibili i trucchi dei maghi di Hollywood se ne sta nei laboratori del JPL della NASA a progettare viaggi interplanetari.

La pellicola, firmata da Alfonso Cuarón, s’intitola Gravity e ha per protagonisti due premi oscar del calibro di Sandra Bullock e George Clooney. Lei è la dottoressa Ryan Stone, specialista in ingegneria biomedica alla sua prima missione in orbita. Lui è invece un veterano dello spazio, Matt Kowalski, ormai pronto alla pensione. La tragedia giunge a decine di chilometri al secondo sotto le spoglie di space debris: una raffica di detriti spaziali che, nell’agghiacciante silenzio del vuoto (l’unico suono udibile, oltre alla colonna sonora, sono gli angosciati scambi via radio fra i protagonisti), mette drammaticamente fine alla passeggiata spaziale e alla missione.

Per sapere che ne sarà dei due astronauti, a meno che non riusciate a fare un salto al Lido, occorre attendere il 4 ottobre, data prevista per l’uscita nelle sale. Nel frattempo, possiamo goderci il trailer, spettacolare per il realismo dei movimenti in assenza di gravità. Centoventi secondi d’anteprima al cardiopalmo, imperdibili se non altro per la fugace apparizione del terzo protagonista del film, oscar alla nostalgia a due esatti dalla sua ultima performance: elegantissimo nella sua livrea bianca e nera, con l’aggraziato braccio robotico, uno space shuttle di struggente bellezza.

Guarda il trailer su YouTube: