DISCHI DI DETRITI A -250

Una fredda cintura

L'inconsueto non è trovare cinture di detriti cosmici intorno ad altre stelle, ma trovarne di temperature vicine a -250 gradi Celsius. Lo ha fatto un gruppo di ricercatori guidato dal Alexander Krivov dell'Università di Jena grazie a dati raccolti dal satellite dell'ESA Herschel

Credit: NASA/JPL-Caltech

Credit: NASA/JPL-Caltech

Tra i molti oggetti che compongono il cosmo vi sono anche i dischi di polvere, detriti che orbitano intorno ad una stella, resto del processo di formazione di un sistema planetario. Almeno un quinto delle stelle è circondato da una cintura di polvere particellare e asteroidi. Il nostro sistema solare ne ha due, la cintura degli asteroidi, tra Marte e il gigante gassoso Giove e la cintura di Kuiper, agli estremi del nostro sistema solare, e di cui Plutone è forse l’oggetto più conosciuto che ne faccia parte.

Stiamo parlando quindi di una realtà ben conosciuta eppure quella scoperta da un gruppo di lavoro guidato da Alexander Krivov dell’Università di Jena, grazie a dati del satellite dell’ESA Herschel (che ha recentemente terminato la sua operatività, vedi Media INAF), e pubblicata su Astrophysical Journal, è tutt’altro che consueta.

Gli astronomi infatti hanno osservato sei stelle circondate da cinture di detriti cosmici che non solo risultano più grandi della cintura di Kuiper, ma hanno una temperatura di -250 gradi Celsius. Per dare un termine di paragone la cintura di Kuiper ha una temperatura di 70° più calda.

C’è poi un altro elemento che rende misteriosi questi sei dischi di frammenti: la mancanza della caratteristica polvere che si viene a creare quando questi oggetti rocciosi collidono tra loro. In effetti sembrano avere dimensioni che variano da pochi millimetri a pochi chilometri: “Se ci fossero oggetti più grandi, spiega il primo autore dell’articolo, il disco sarebbe molto più dinamico con molte collisioni che genererebbero questa polvere”.

Gli astronomi sono sicuri che queste cinture siano quanto resta dei dischi di formazione planetaria e che, per motivi ancora sconosciuti, il processo di sviluppo si sia fermato ancora prima di formare asteroidi o pianeti nani. “Non sappiamo perché lo sviluppo si sia fermato, dice Krivov, ma questi dischi di detriti così freddi sono la prova che tali cinture possono esistere da miliardi di anni”.

Leggi l’articolo originale