GLI INCONTRI DI CITTA' DELLA SCIENZA

La scienza al Ravello Festival

Si rinnova la partecipazione della Città della Scienza al Ravello Festival, con due incontri, il 24 e il 30 luglio. Il primo vedrà Giovanni Bignami e Cristina Bellon spiegare il futuro ai ragazzi, nel secondo si parlerà del bosone di Higgs con Guido Tonelli e Francesco Conventi

24.07.2013

ravellofestivalTorna il Ravello Festival e torna la collaborazione della Fondazione IDIS. Anche quest’anno, infatti, la Città della Scienza rinnova la sua partecipazione al Ravello Festival attraverso l’organizzazione di incontri dedicati alla scienza e alla tecnologia. Sin dal 2007, infatti, Città della Scienza favorisce – anche nella magnifica cornice dei giardini di Ravello – l’incontro diretto tra il pubblico e ricercatori, scienziati e divulgatori, chiamati a raccontare le proprie ricerche e la propria visione del rapporto tra scienza e società.

Due gli incontri previsti quest’anno: il primo si terrà mercoledì 24  luglio; sarà intitolato Il futuro spiegato ai ragazzi. Domande e risposte per cercare di capire il presente e provare a conoscere il futuro e vedrà la presenza di Giovanni Bignami, presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e noto divulgatore scientifico e di Cristina Bellon, scrittrice di fantascienza e autrice, con Bignami, del libro che dà appunto il titolo a questo incontro, Il futuro spiegato ai ragazzi (Mondadori). Il futuro si costruisce con la testa, ma anche con le mani. E le mani dobbiamo imparare ad usarle per realizzare i nostri sogni. I più grandi inventori erano prima di tutto dei sognatori. L’impossibile può diventare reale, e oggi abbiamo tutti gli strumenti per dimostrarlo. Quali saranno le scoperte scientifiche che cambieranno la nostra vita nel prossimo mezzo secolo? È prevista una missione umana su Marte? Come si fa a catturare una cometa? Quanti tipi di vita possono esistere? Insegneremo alle cellule a ricostruire un braccio amputato? Cos’è l’energia oscura che riempie l’universo? Come saranno i videogiochi del futuro? I robot prenderanno il posto degli uomini? Come può il silicio rendere immortali?

Secondo appuntamento martedì 30 luglio, dedicato alla scoperta scientifica che ha monopolizzato l’attenzione nell’ultimo anno: Il domani della fisica dopo il bosone di Higgs. All’incontro parteciperanno Guido Tonelli, Università degli Studi di Pisa e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e Francesco Conventi, Università Parthenope e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), tra i protagonisti della scoperta avvenuta ai laboratori europei del CERN di Ginevra. Tonelli e Conventi racconteranno al pubblico di Ravello quest’avventura scientifica (che ha fatto entrare i complessi argomenti della fisica delle particelle nella vita e nelle case di tanti italiani) tracciando, al contempo, i connotati della ricerca in fisica nei prossimi anni. Il bosone di Higgs, come è ormai noto, è una scoperta che la scienza inseguiva da mezzo secolo; esso è infatti la particella che mancava per completare lo schema che i fisici hanno costruito per spiegare come funziona l’Universo, il cosiddetto “Modello standard”.

Per maggiori info