I SUOI POLI SI INVERTONO OGNI DUE ANNI

Tau Boo, un pendolo magnetico

Osservato per la prima volta il ciclo magnetico completo di una stella diversa dal Sole. Il campo magnetico della stella Tau Boötis completa un'inversione ogni due anni, probabilmente a causa della sua interazione con un pianeta di massa sei volte quella di Giove.

Rappresentazione artistica del campo magnetico di Tau Boötis.  Credit:Karen Teramura / University of Hawaii Institute for Astronomy

Rappresentazione artistica del campo magnetico di Tau Boötis.
Credit:Karen Teramura / University of Hawaii Institute for Astronomy

Il Sole ci mette 22 anni a far fare un giro completo al suo asse magnetico. Le stella Tau Boötis, nota anche come Tau Boo, fa la stessa cosa in appena 2 anni, ed è appena diventata la prima stella dopo il Sole di cui gli astronomi abbiano osservato in modo completo il ciclo magnetico.

Nel 2007 ci si era accorti per la prima volta di un’inversione del campo magnetico di Tau Boötis, una stella un po’ più luminosa del nostro Sole, situata a 51 anni di distanza da noi, e attorno a cui ruota un esopianeta grande circa sei volte Giove, che le ruota attorno in appena 3,3 giorni. Da allora, un team di ricercatori dell’Università di St Andrews (UK) ha osservato ben quattro inversioni di polarità, a conferma che la stella ha un rapido ciclo magnetico di non più di due anni. “Il campo magnetico del Sole è un po ‘come una calamita gigante, con un polo nord e un polo sud”, ha spiegato Rim Fares, tra gli autori dello studio. “Ogni 11 anni durante il massimo solare, ovvero il picco di macchie solari, i poli del Sole si invertono. Sono necessarie  due inversioni  per ripristinare il campo magnetico nel suo orientamento originale. Tau Boo ha lo stesso comportamento magnetico del Sole, ma il suo ciclo è molto veloce rispetto a quello solare. ”

Questo spostamento brusco ha effetti sul grande pianeta che accompagna la stella, e le ragioni del ciclo veloce di Tau Boo sono ancora poco chiare.

Fares ed i suoi colleghi hanno fatto questa scoperta mentre studiavano 10 stelle con attorno pianeti gioviani caldi, che orbitano molto vicino alla loro stella. I ricercatori hanno confrontato i campi magnetici di quelle stelle con quelle prive di pianeti gioviani caldi. Lo studio mirava a comprendere come l’ambiente magnetico delle stelle influisse sui pianeti circostanti, e se i pianeti stessi influissero sul comportamento magnetico della stella.

“Il campo magnetico di una stella può avere effetti potenti su un pianeta, causando aurore ed evaporazione, almeno in parte, dell’atmosfera. Per comprendere questi fenomeni, dobbiamo capire le diverse interazioni in gioco e come influenzano sia il pianeta che la stella “, ha detto Fares. “Purtroppo, l’osservazione dei pianeti è un compito davvero impegnativo, così abbiamo deciso di studiare i campi magnetici delle stelle che ospitano pianeti gioviani caldi e vedere se esse sono influenzate dalle interazioni con i pianeti.”

I campi magnetici stellari possono essere piccoli e difficili da individuare. Su un campione di 10 stelle, il team è stato solo in grado di rilevare sette campi.

Tau Boo gira sul suo asse una volta ogni 3,3 giorni – la stessa quantità di tempo che impiega il pianeta per completare un’orbita. Un’ ipotesi per spiegare il ciclo rapido di Tau Boo è che il pianeta ha una rotazione più veloce del normale,  influenzando la generazione del campo magnetico.

“Ci sono ancora alcune grandi domande su ciò che causa il rapido ciclo magnetico di Tau Boo”, ha detto Fares. “Dalla nostra indagine, possiamo dire che ogni sistema planetario è particolare, che le interazioni influenzano stelle e pianeti in modo diverso, e che esse dipendono dalle masse, dalla distanza, e altre proprietà.”