MANCA POCO ALLA SECONDA EDIZIONE DI FAMELAB

Scienziati con l’X-factor

Presentata a Roma l'edizione 2013 di FameLab Italia. Ricercatori e studenti con la passione della comunicazione si sfidano in sette città italiane per aggiudicarsi un posto alla finale internazionale. L'INAF è partner della selezione di Roma.

FINALE ITALIANA INTERNATIONAL FAME LABManca ormai poco all’inizio delle selezioni locali di FameLab, il talent show per scienziati e ricercatori che anche quest’anno torna in Italiaa. E oggi, a Roma, l’edizione 2013 della manifestazione è stata presentata nel corso di una conferenza stampa alla sede del British Council.

FameLab è una competizione aperta a chi si occupa di scienza e ama parlarne in pubblico: scienziati, giovani ricercatori, studenti universitari che vogliono raccontare con rapidità, leggerezza ed efficacia un po’ della scienza con la quale hanno a che fare ogni giorno. I concorrenti hanno a disposizione solo tre minuti e una manciata di parole per coinvolgere il pubblico. Non possono usare immagini né strumenti scientifici, ma semplici oggetti con i quali tradurre e illustrare idee e concetti. Poi, come in ogni talent show che si rispetti, è una giuria di esperti comunicatori e scienziati che sceglie il migliore.

La prima edizione ha visto la partecipazione di circa 80 concorrenti in 4 città. I concorrenti della prima edizione di FameLab stanno diventando popolari anche sul web, oltre 16.000 le visualizzazione dei video di chi ha gareggiato nel 2012, raccolti nel canale youtube Famelab italia. Qualcuno dei concorrenti che ha concorso nel 2012 senza vincere non demorde e si è iscritto di nuovo per l’edizione 2013, agguerrito e intenzionato a riprovarci.

Accanto agli appassionati cresce di giorno in giorno il numero dei nuovi concorrenti: tutti dovranno superare una selezione in una delle sette città dove si svolgono le gare locali che prenderanno il via il prossimo 1 marzo, e si svolgeranno fino al 16 marzo.

I primi due classificati in ogni città partecipano ad una tre giorni di formazione dal 12 al 14 aprile per prepararsi alla finale nazionale del 3 maggio a Perugia. Il nuovo campione italiano volerà a Cheltenham dal 4 al 6 giugno, in Inghilterra per sfidare altri 24 campioni di altrettanti paesi.

Tra le nuove sedi di FameLab che si aggiungono quest’anno c’è anche Roma, la città in Italia che ospita in assoluto più studenti e ricercatori, con le sue tre Università e decine di centri di ricerca pubblici e privati. FameLab a Roma è coordinato da formicablu e ha come partner l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e la Fondazione Bioparco di Roma (la selezione romana si svolgerà il 9 Marzo, dalle 9:30 alle17:00, al Bioparco di Roma).

Per i concorrenti che scelgono un argomento di fisica e astronomia, c’è un incentivo in più: un Premio Speciale per la migliore presentazione su queste discipline, assegnato da Istituto Nazionale di Astrofisica e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, che sarà consegnato durante la finale nazionale a Perugia e a cui concorreranno (grazie alle registrazioni delle loro esibizioni) anche i concorrenti esclusi alle varie selezioni locali.

“La comunicazione della scienza e la divulgazione scientifica – dice il Presidente dell’INAF Giovanni Bignami – sono parte essenziale del lavoro di un ricercatore. Ce l’ha insegnato Galileo Galilei con il suo aforisma: parlare oscuro è da ognuno, chiaramente da pochissimi. Per questo siamo contenti di promuovere e sostenere un’iniziativa come Famelab in Italia”.

 

httpvh://youtu.be/cLtbbDRG_lQ

 

Famelab Italia è organizzato da Psiquadro e realizzato grazie al sostegno della Regione Umbria e dei partner che coordinano la competizione in sette città italiane: Museo delle Scienze – Trento, Immaginario Scientifico – Trieste, formicablu – Bologna e Roma, Associazione Festival della Scienza – Genova, Fosforo – Ancona, e Perugia Science Fest – Perugia. Il progetto è ideato dal Festival della Scienza di Cheltenham (Regno Unito) e promosso dal British Council, l’ente culturale britannico, in 25 paesi in tutto il mondo,

Per saperne di più: