APPUNTAMENTO CON LA ROCCIA JOHN KLEIN

Curiosity pronto al primo scavo

Il rover della Nasa Curiosity, atterrato su Marte cinque mesi fa, tra due settimane si accingerà a perforare la sua prima roccia del pianeta rosso, "scavando" così nel passato di Marte.

Marte scavo

L’ immagine mostra la roccia pianeggiante, ovvero il luogo della prima perforazione del rover Curiosity. CREDIT: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Atterrato su Marte circa cinque mesi fa il rover della Nasa Curiosity si prepara, con il benestare degli ingegneri del progetto, a perforare la prima roccia marziana. L’ammasso roccioso scelto è piatto con venature chiare e potrebbe dimostrare la presenza, passata, di acqua.

Il rover Curiosity è al momento all’interno del cratere Gale di Marte per indagare se il pianeta ha mai offerto un ambiente favorevole per la vita microbica.

“La perforazione di una roccia per raccogliere un campione sarà l’attività più difficile di questa missione dopo l’atterraggio. Non è mai stato fatto su Marte”, ha dichiarato il manager del progetto Richard Cook del NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California. Che avverte “il trapano interagirà energeticamente con il materiale marziano in modi che non controlliamo del tutto. Non ci sarà da stupiris se alcune fasi del processo non andranno esattamente come previsto.”

Curiosity prima raccoglierà i campioni in polvere dall’interno della roccia e  li userà per pulire il trapano. Poi il rover dovrà forare e prendere più campioni di questa roccia, li esaminerà, per carpire informazioni sulla composizione chimica e minerale di questa.

La roccia scelta è in una zona dove la Mastcam di Curiosity e altre telecamere hanno rivelato diverse caratteristiche inaspettate, tra cui vene, noduli, doppie stratificazioni, un ciottolo brillante incorporato in pietra arenaria, e forse alcuni buchi nel terreno.

La roccia scelta per la perforazione si chiama “John Klein” in omaggio all’ex vice responsabile del progetto John W. Klein, morto nel 2011. La roccia si trova all’interno di una depressione poco profonda chiamata “Yellowknife Bay.” Il terreno di questa zona è diversa da quella del luogo di atterraggio, un corso d’acqua asciutto circa un terzo di miglio (circa 500 metri) a ovest. Il team del rover Curiosity ha deciso di cercare lì un target di foratura perché le osservazioni orbitali hanno mostrato terra fratturata che si raffredda più lentamente.

“Il segnale orbitale ci ha attirato qui, ma quello che abbiamo trovato quando siamo arrivati ​​è stata una grande sorpresa”, ha detto John Grotzinger scienziato del progetto Mars Science Laboratory, del California Institute of Technology di Pasadena. “Questa zona ha avuto un diverso tipo di ambiente umido rispetto al alveo in cui siamo atterrati.”

Una prova viene dalla ChemCam del rover che ha trovato livelli elevati di calcio, zolfo e idrogeno.

“Queste vene sono probabilmente composte da solfato di calcio idrato, come bassinite o gesso”, ha detto un membro del team ChemCam Nicolas Mangold del Laboratoire de Planetologie et de Nantes Geodynamique in Francia. “Sulla Terra, la formazione di vene come queste richiede la presenza di acqua che circola nelle fratture.”

I ricercatori hanno utilizzato il Mars mano Lens Imager (Macli) del rover per esaminare le rocce sedimentarie della zona. Alcune sono in pietra arenaria e in altre  vicinanze si trova la siltite. Queste differiscono in modo significativo dalle rocce di conglomerato di ghiaia nella zona di atterraggio.

“Tutte queste sono rocce sedimentarie e le diverse granulometrie ci racconteranno le condizioni di trasporto.” Ha detto Macli Yingst ricercatore Aileen del Planetary Science Institute di Tucson, in Arizona.