3° ANNO PER MEDIA INAF

Diamo i numeri

236 mila persone hanno letto Media INAF, nel 2012, almeno per una volta. E' uno dei dati dell'andamento del nostro giornale nell'anno, con un incremento che supera il 35% rispetto all'anno precedente. 790 mila pagine lette. Un risultato da considerarsi postitivo frutto di quanti, alcuni solo per il piacere di esserci, contribuiscono a fare di Media INAF uno dei più importanti, se non il principale, giornale on line dedicato all'astronomia e all'astrofisica, sia da Terra che dallo Spazio

Diamo un po’ di numeri in occasione di quella che è l’ultima newslettere del 2012. E’ ormai un’abitudine, ogni fine anno mi cimento in una piccola di come cresce Media INAF. Ma in realtà mi pongo il problema se cresca, se continui a farlo e in che modo, perché è importante migliorarsi. I dati di quest’anno mi sembrano positivi. Duecentrentaseimila persone, nel corso dell’anno, hanno letto il nostro sito. Almeno una volta. Con un incremento, rispetto allo scorso anno, di quasi il 30%.

Un risultato significativo, a fronte anche di uno sforzo notevole fatto da chi lavoro per media inaf e per quanti collaborano gratuitamente con il nostro giornale. Uno sforzo che ha portato alla pubblicazione di 720 articoli, due al giorno, circa, festività comprese. ai 167 video che sono stati caricati sul nostro canale youtube quest’anno, comprensivi di 50 edizioni di Sidereus (oggi ci sarà la 51°), con una sola singola sosta durante tutto il 2012. 790.000 pagine lette (+13%: nel 2011 erano 698.002), 2710 fan su Facebook (35.6% donne, 63.2% uomini), 522 Followers su Twitter, 617 iscritti al nostro canale YouTube.

Un dato interessante è la provenienza dei nostri lettori: il 35.97% viene da ricerche su Google mentre il 17.72% da link diretti, il 14.75% proviene da Facebook.

A seguire un po’ di numero e indicazioni sparse, accompagnate dal mio ringraziamento per i tanti colleghi giornalisti che hanno firmato per Media INAF a titolo gratuito, per Umberto Guidoni nostro editorialista come Emilio Sassone Corsi, non dimentico di quanto nell’INAF contribuiscono al nostro giornale. Un ringraziamento a chi ci lavora e anche agli stagisti che qui si stanno facendo le ossa.

 

 

 

 

 

I numeri di Media INAF