CONCLUSO IL PROGRAMMA ESA CAVES

Uomini da caverna

Cosa c'è di più simile allo spazio che non le profonde grotte della Sardegna. Può sembrare paradossale, ma, come dice Hans Bolander addestratore di astronauti per l'ESA, ci sono molte analogie con il volo spaziale, come la mancanza del ciclo giorno notte e la necessità di lavorare insieme

Astronauti, non speleologi. Si è conclusa con successo l’esplorazione di alcune grotte della Sardegna da parte degli astronauti in grotta, che partecipano al programma di addestramento “Esa Caves” dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). I sei astronauti che stanno partecipando al programma si sono avventurati nelle grotte di Sa Grutta, che sono state la loro casa per una settimana e dove si sono esercitati a cercare forme di vita e alcune procedure di volo spaziale. Nella settimana di addestramento gli astronauti hanno appreso protocolli di sicurezza, come creare cartine ed orientarsi nel sottosuolo, la discesa a corda doppia e altre tecniche di cordata, così come anche lezioni di fotografia nel buio completo per catalogare qualsiasi forma possibile di vita trovata durante il loro soggiorno.

Passare del tempo nel sottosuolo può non sembrare l’ambiente più ovvio dove esercitare procedure di volo spaziale, ma Hans Bolender, capo della Divisione per l’addestramento degli astronauti europei, spiega: “Ci sono molte analogie con il volo spaziale, come la mancanza del ciclo giorno-notte, la privazione sensoriale, l’igiene essenziale e la necessità di lavorare in gruppo e risolvere insieme i problemi”.

Quest’anno l’addestramento del programma Caves include astronauti di tutti i partner della Stazione Spaziale Internazionale: Mike Fincke della Nasa e Drew Feustel dagli Stati Uniti, David Saint-Jacques dall’Agenzia Spaziale Canadese, Nikolai Tikhonov della Roscosmos dalla Russia, Soichi Noguchi dell’Agenzia Spaziale Giapponese (Jaxa) e Andreas Mogensen dell’ESA dalla Danimarca.

Il programma Caves si concentra sul comportamento umano e punta ad aiutare gli astronauti a migliorare il proprio lavoro di gruppo. Gli astronauti, spiega l’ESA, hanno passato quasi una settimana a conoscersi e ad imparare le tecniche richieste per sopravvivere sei giorni sotto la Terra. Durante la loro permanenza nelle grotte di Sa Grutta, sono stati dati loro compiti e problemi preparati dagli istruttori. Come affrontare difficoltà così da aiutare gli istruttori a valutare i comportamenti per migliorare le capacità e competenze.

Guarda un articolo precedente sul portale scienza e tecnica dell’ANSA