SPEDIZIONE AL GHIACCIAIO QALERALIQ

Le luci del nord in diretta web

Da questa notte fino al 28 agosto, una spedizione osservativa internazionale, organizzata in occasione dell’imminente intensificarsi dell’attività solare, trasmetterà in diretta web le immagini dell’aurora boreale riprese dalla Groenlandia meridionale.

Dal 23.08.2012 al 28.08.2012

L'aurora boreale vista dalla Groenlandia nel corso della spedizione Shelios 2000 (crediti: starryearth.com)

Lucifero vi costringe a boccheggiare insonni fino a notte fonda, sognando un refolo d’aria fresca che non arriva mai? Coraggio, forse è possibile ribaltare la situazione a vostro favore. Da oggi, giovedì 23 agosto, fino a martedì 28, sarà possibile ammirare via web, ogni notte a partire dalle 2.30 ora italiana, gli spettacolari giochi di luce dell’aurora boreale nel cielo della Groenlandia. A riprendere il fenomeno, commentato in diretta in inglese e spagnolo, il team della spedizione Shelios 2012, organizzata in occasione dell’imminente intensificarsi dell’attività solare.

Durante i massimi solari, l’intensità del vento solare cresce, determinando un aumento del flusso di particelle che arrivano sulla Terra. Queste particelle sono dirette verso i poli magnetici, dove interagiscono con l’atmosfera terrestre, dando origine all’aurora boreale (nell’emisfero settentrionale) e all’aurora australe (nell’emisfero meridionale). Il luogo migliore per osservare l’aurora boreale è il circolo attorno al Polo Nord magnetico (tra i 60 e i 70 gradi nord). Il polo magnetico non coincide con il polo geografico e si sposta nel tempo. Attualmente, si trova al largo della costa dell’isola canadese di Ellef Ringnes: dunque la Groenlandia meridionale – dove si trova il ghiacciaio Qaleraliq, meta della spedizione Shelios 2012 – è uno fra i luoghi più favorevoli per osservare il fenomeno.

Sono previste trasmissioni a cadenza quotidiana, fra le 2:30 e le 3:30 ora italiana, fruibili attraverso tre canali webcast secondo il seguente schema:

  1. Live Connections. Cinque collegamenti in diretta della durata di 10 minuti ciascuno, fra il 24 e il 28 agosto, dalle 3:00 alle 3:10 ora italiana. Nel corso di questi collegamenti, i ricercatori M. Serra-Ricart (in spagnolo) e Vanessa Stroud (in inglese) illustreranno i concetti astronomici connessi con le aurore e l’attività solare. Il webcast potrà essere visto sul sito sky-live.tv.
  2. One-Minute Time-Lapse. Ogni notte, per la durata di un’ora, verrà caricata un’immagine al minuto della notte stellata. A scattare le foto, due Canon 5D Mark II a colori, con obiettivi identici, poste a una distanza compresa fra un minimo di 1 km e un massimo di 50 km. Le immagini, accessibili dal web, saranno a disposizione per svolgere un’attività didattica: partendo dalle immagini dell’aurora, i partecipanti saranno invitati a calcolarne l’altitudine, analizzandone il colore e sfruttando il metodo della parallasse.
  3. Live sky images. Sempre ogni notte, e sempre per la durata di un’ora, una telecamera in bianco e nero rivolta verso il cielo produrrà uno streaming video per consentire di seguire i movimenti dell’aurora.

Tutte le informazioni sul sito del progetto europeo GLORIA (GLObal Robotic telescopes Intelligent Array for e-Science), partner della spedizione Shelios 2012.