X

IL CIELO DI AGOSTO

Il ritorno delle stelle cadenti

Come ogni anno, tra fine luglio e agosto torna lo sciame meteorico delle Perseidi ad accendere il cielo notturno con il fenomeno delle 'stelle cadenti'. Il massimo è previsto nelle notti tra l'11 e il 13 agosto. I consigli per le osservazioni.

Agosto, mese di vacanze e di stelle cadenti, anzi meteore. Anche quest’anno lo spettacolo celeste delle ‘lacrime di San Lorenzo’ si ripresenta in tutto il suo fascino e promette di dare grandi soddisfazioni a chi alzerà gli occhi al cielo, tempo permettendo, nelle notti tra l’11 e il 13. E’ questo infatti il periodo in cui è previsto il massimo dello sciame delle Perseidi. Ad agevolare la visione ci sarà una luna poco ‘invadente’ dato che sarà nuova, cioè del tutto oscura, il 17. Le ore migliori per osservare sono quelle che vanno dalla mezzanotte fino a prima dell’alba, soffermandosi sulle regioni a nord est del cielo, in direzione della costellazione di Perseo.

A creare queste scie luminose che solcano i nostri cieli sono i piccolissimi frammenti di comete che incrociano l’orbita del nostro pianeta. Entrando con grandissima velocità nell’atmosfera terrestre, queste particelle – grandi anche solo come un granello di sabbia – la ionizzano, ‘accendendola’ per qualche frazione di secondo lungo la loro traiettoria . Forse non tutti sanno che ad aver confermato per primo questa spiegazione è stato l’astronomo italiano Giovanni Virginio Schiaparelli nel 1866, proprio basandosi sull’osservazione delle perseidi.  Schiaparelli dimostrò in modo definitivo l’origine cometaria delle stelle meteoriche, mettendo in evidenza come le orbite descritte nello spazio dagli sciami di stelle cadenti coincidano, per tipo, forma e dimensioni, con quelle di alcune comete identificate in passato. Quella nuvola di detriti che dà vita allo sciame delle perseidi per esempio proviene dalla cometa denominata 109P Swift-Tuttle.

Ma il cielo di agosto serberà molti altri interessanti fenomeni che potranno essere seguiti facilmente anche ad occhio nudo. Siete curiosi di conoscere quali? Non vi resta che guardare il servizio video qui sotto.

Categories News
Tags CometeMeteoritiPerseidiStelle cadenti
Marco Galliani: