PER LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA

A Bignami il Premio Fermi città di Cecina

Giunto alla sua undicesima edizione il Premio, istituito dal Liceo Enrico Fermi di Cecina, è andato al Presidente dellINAF per "Cosa resta da scoprire" edito da Mondadori. L'ha spuntata su Pietro Greco, giornalista scientifico e condirettore di Scienzainrete, in finale con "I nipoti di Galileo" di Baldini&Castoldi.

A Giovanni Bignami il premio Fermi città di Cecina per la divulgazione scientifica. Il presidente dell’INAF, con il suo “Cosa resta da scoprire” edito da Mondadori,  l’ha spuntata sull’amico Pietro Greco, giunto in finale di questa undicesima edizione del premio, con l’opera “I nipoti di Galileo” edito da Baldini&Castoldi.

La cerimonia si è svolta in un’affollata  Guerrazzi, in particolare dagli studenti del Liceo Enrico Fermi di Cecina a cui si deve l’istituzione di un premio che ha premiato scienziati di fama come Edoardo Boncinelli o giornalisti come Riccardo Chiaberge e il nostro Nicola Nosengo.

A convincere maggiormente la giuria, abbiamo detto, è stata l’opera di Bignami, Un vero e proprio viaggio tra le varie innovazioni scientifiche che, entro il 2062, l’uomo potrebbe scoprire. «C’è ancora molta strada da fare – ha detto Bignami – ma passo dopo passo approfondiremo sempre di più lo studio di vari settori della scienza e questo ci permetterà, molto probabilmente, di risolvere molti degli enigmi che oggi abbiamo di fronte».

Con “I nipoti di Galileo” Pietro Greco racconta un’Italia fatta ancora di grandi scienziati, giovani brillanti menti, grazie ad una scuola che viene da lontano, nonostante il paese sia fanalino di coda negli investimenti in università e ricerca. Cervelli all’estero spesso, ma non in fuga.