VISIBILI NELL’INFRAROSSO GRAZIE A WISE

I denti della Nebulosa Pacman

Le nuove immagini della nebulosa NGC 281, ottenute dal telescopio orbitante WISE della NASA, svelano dettagli che i telescopi ottici non potevano distinguere.

Si trova a 9.200 anni luce da noi, in direzione della costellazione di Cassiopea: è una regione ricca di gas e polveri e il suo nome ufficiale è NGC 281, ma è più facile ricordarla come Nebulosa Pacman. Il perché di questo soprannome, a guardarne le immagini, risulterà chiaro a chi negli anni ’80 era appassionato di videogiochi, dato che Pac-Man non era altro che il protagonista dell’omonimo e famosissimo gioco. Per tutti gli altri, invece, Pac-Man aveva forma sferica e una grande bocca che si chiudeva come una serranda inghiottendo pillole energetiche e nemici. Nelle immagini ottenute da telescopi sensibili alla radiazione visibile, la bocca di NGC 281 appare simile a quella di Pac-Man. Se però la si guarda con altri occhi, nello specifico quelli di WISE (Wide-field Infrared Survey Explorer), telescopio orbitante della NASA, sensibile agli infrarossi, il suo aspetto cambia: spuntano dei “denti” là dove prima sembrava che non ci fossero. Si tratta in realtà di strutture gassose al cui interno, con tutta probabilità, si stanno formando nuove stelle. Sarebbero ciò che resta del gas e della polvere precedentemente spazzati via dalla radiazione e dai venti stellari delle stelle che si trovano nell’ammasso al centro della nebulosa stessa. Nell’immagine si notano anche punti luminosi di colore rossastro: stelle giovani, in fase di formazione e ancora avvolte da bozzoli di polvere.

Le immagini recentemente ottenute da WISE, quindi, oltre ad offrirci una visione nuova della nebulosa Pacman, evidenziano aspetti che in precedenza non erano noti.