ESPERTI A CONGRESSO A NAPOLI DAL 3 AL 6 MAGGIO

Una scala per l’Universo

Dal 3 al 6 maggio prende il via a Napoli, presso l’INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte, un importante congresso internazionale di astrofisica che farà il punto sullo stato dell’arte e gli sviluppi futuri nel campo della misurazione delle distanze cosmiche

Uno dei più difficili compiti di chi studia l’Universo è quello di misurare con precisione quali sono le distanze degli oggetti celesti che lo popolano, siano essi stelle o galassie. E queste misure diventano progressivamente più incerte quando si vanno a studiare oggetti sempre più lontani.

Un contributo fondamentale per aumentare la precisione di queste misure verrà presto da Gaia, il telescopio che l’Agenzia Spaziale Europea metterà in orbita nel 2013. Per fare il punto su Gaia  e sulle più moderne tecniche di misura delle distanze galattiche ed extragalattiche  si sono dati appuntamento a Napoli, dal 3 al 6 maggio, presso l’INAF Osservatorio astronomico di Capodimonte, eminenti scienziati da tutto il mondo, che parteciperanno al congresso “The Fundamental Cosmic Distance Scale: State of the Art and the Gaia Perspective”.

Questo è un congresso di grande rilevanza internazionale sottolinea Massimo Della Valle, direttore della struttura INAF partenopea. Con Gaia saremo in grado di misurare, a vari livelli di precisione, la distanza di tutte le stelle della Galassia, fino ad arrivare alle Nubi di Magellano e oltre, migliorando di almeno un fattore cento l’accuratezza delle misure attualmente possibili. Grazie a questo calibreremo i primi gradini della scala delle distanze che ci permetterà poi  di misurare gli oggetti più remoti dell’Universo.

Le attività del Congresso – a cui prenderanno parte i maggiori esperti al mondo in questo settore, da Gustav Tammann (Basilea), a  Wendy Freedman (Carnegie Institution, US), ad Adam Riess  (Hubble Space Telescope), a Gerry Gilmore (Cambridge, UK) –  includono relazioni ad invito, contributi orali e poster, tavole rotonde, iniziative di public outreach, interviste con i maggiori esperti presenti al Congresso.

The Fundamental Cosmic Distance Scale: State of the Art and the Gaia Perspective è sponsorizzato dalla European Science Foundation (ESF) nell’ambito delle attività del Gaia Research for European Astronomy Training (GREAT) e dagli Osservatori Astronomici INAF di Bologna, Napoli, Teramo e Torino.