DA MILANO E PALERMO. CON COMMENTO IN CINESE

Il pianeta della Giraffa in diretta sul web

Per la prima volta, osservazione in diretta web del transito d’un pianeta extrasolare attorno al suo sole. Si tratta di XO-3b, un gigante gassoso a circa 850 anni luce dalla Terra, nella costellazione della Giraffa. L’osservazione, in programma per la sera del 13 febbraio, verrà condotta in contemporanea dagli osservatori INAF di Merate e di Palermo.

13.02.2010, ore 20:00

Crediti: P. McCullough (STScI)/NASA

D’accordo, non sarà il mondo di Pandora, magica ambientazione del film Avatar. Ma il gigante gassoso XO-3b, un pianeta extrasolare a circa 850 anni luce dalla Terra, dove un anno dura appena tre giorni, promette comunque grandi emozioni. La sera del 13 febbraio, infatti, a partire dalle 20, le sedi INAF di Merate (MI) e di Palermo punteranno i loro telescopi verso la costellazione della Giraffa per misurare, e inviare in diretta su web, l’effetto ombra generato dal transito di XO-3b attorno al suo sole.

Il fenomeno, che durerà circa quattro ore, è analogo a un’eclissi di sole. Ma il “sole” che verrà parzialmente eclissato non sarà il nostro, bensì una stella remota. E a oscurarlo sarà un mostro di massa pari a circa 12 volte quella di Giove. Abitabile? «Assolutamente no. I pianeti con masse così grandi», spiega Antonio Maggio, dell’INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo, «sono sostanzialmente gassosi, come il nostro Giove. Dunque, del tutto inospitali». D’altronde, è proprio grazie alle sue dimensioni spaventose se XO-3b riesce a mettere in ombra la propria stella al punto da riuscire ad osservarne, dalla Terra, la variazione di luminosità. E a farci così sapere che esiste.

Tornando alla diretta web, chi si collegherà alla pagina www.crabnebula.it/rc/prog_terre_del_cielo.htm potrà assistere al fenomeno attraverso una ricca offerta di finestre video. Due da Merate: una inquadrerà sia il telescopio sia gli astronomi che parleranno dell’evento, l’altra riporterà la curva di luce del transito che si sta formando. Un’altra finestra sarà dedicata al collegamento permanente con la sede centrale dell’Osservatorio di Brera. Infine, due ulteriori finestre collegate con l’Osservatorio di Palermo.

Gli astronomi commenteranno l’evento in italiano, in inglese e persino cinese, grazie alla disponibilità di Jirong Mao dell’Osservatorio di Brera. Il commento degli astronomi prevede un excursus storico sulle concezioni filosofiche degli antichi sulla pluralità dei mondi, un cenno sulle teorie di formazione delle stelle e dei pianeti, e sulla scoperta dei primi pianeti extrasolari. Dopo questa introduzione, si aprirà la chat, e il pubblico potrà porre domande per le successive due ore. L’appuntamento ideale, insomma, per attendere la mezzanotte di San Valentino in modo originale, fra scienza ed emozioni.

Antonio Maggio, dell’Osservatorio INAF di Palermo, illustra insieme ai suoi collaboratori il progetto, che ha per nome “Terre del Cielo”.Il progetto è stato ideato dagli astrofili Rodolfo Calanca e Angelo Angeletti, che ne curano anche la parte logistico-operativa, ed è gestito da Stefano Covino, Stefano Sandrelli, Monica Sperandio, Giovanni Pareschi (INAF-Osservatorio Astronomico di Brera), dall’astronomo cinese Jirong Mao, da Antonio Maggio (INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo), Salvo Massaro (Associazione Specula Panormitana) e Sergio Terzo (Università di Palermo).

Altri video e animazioni sono disponibili sul sito web dell’evento.

https://www.youtube.com/watch?v=59Wu_zk3W0E