OTTICHE ADATTIVE MULTI-CONIUGATE

Il super-occhio che cancella l’atmosfera

Si chiama MAD e servirà a "correggere la vista" dei futuri telescopi da 50-100 metri, eliminando gli effetti della turbolenza atmosferica. Uno dei suoi componenti, il sensore di fronte d'onda Layer Oriented Multi-Pyramid (LOWFS), è stato ideato, realizzato e collaudato con successo da un gruppo di astrofisici dell'Inaf.

Si chiama MAD e servirà a “correggere la vista” dei futuri telescopi da 50-100 metri, eliminando gli effetti della turbolenza atmosferica. Uno dei suoi componenti, il sensore di fronte d’onda Layer Oriented Multi-Pyramid (LOWFS), è stato ideato, realizzato e collaudato con successo da un gruppo di astrofisici dell’Inaf. Tra le possibili ricadute, anche applicazioni in oftalmologia clinica.

[flv:http://www.media.inaf.it/video/flv/MAD-Ragazzoni-Falomo.flv 400 300]

Articolo inizialmente pubblicato il 31/01/2008 da in News e aggiornato il 14/12/2009 alle 12:09. I commenti sono aperti a tutti sulla pagina Facebook del sito. Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è invece disponbibile un modulo dedicato.